img1
img2
img3

Ricerca

Prossime iniziative

LA FORZA DELLA REGIONE

L’export dell’Emilia Romagna cresce ed è secondo solo alla Lombardia (sopravanzando Veneto e Piemonte).

Nel 2018, l’export emiliano è arrivato quasi a 63.427 milioni di euro, corrispondenti al 13,7% delle esportazioni nazionali, con un aumento del 5,7% rispetto all’anno precedente.

Interessanti sono i mercati europei comunitari e quello degli Stati Uniti, trainati dai settori dei macchinari (29,3%) e l’agroalimentare.

In Asia l’esportazione è più contenuta.

Per quanto rigurda del settore agroalimentare, Piacenza rappresenta un importante polo grazie alla produzione di prodotti come pasta, biscotti, dolciumi e piatti pronti, soprattutto con riferimento al mercato francese. Interessante la storia del Pastificio Fontana che, dotato di camere bianche che permettono una shelf life superiore a 42 giorni senza l’utilizzo di conservanti, produce pasta fresca ripiena tipica piacentina e non (tortelli piacentini, anolini, ravioloni, ravioli, cappelletti, tortellini, pisarei, gnocchi e molto altro).

Il Gallettificio Val Tidone, che produce invece gallette di mais, grano saraceno e riso, è invece nato più di recente e presenta un mix fra storia e innovazione.